mercoledì 30 settembre 2020

NEL VIVO CHE C'E': restare e restituire

Il progetto sui RESTARE maturato nel lockdown

all'interno delle Palestre di Teatro

è diventato UN'INSTALLAZIONE ARTISTICA

NEL VIVO CHE C'E': restare e restituire
Visto da Paolo Luigi Bogo
(pubblicato su La Guida n.40 giovedi 24 settembre- Visto con voi)

LE PAROLE E I LUOGHI del LOCKDOWN
Le Palestre di Teatro curate a Boves da Elisa Dani sono i corsi di teatro per principianti più anomali della nostra zona.
Raccomandate a chi nel teatro cerca un'esperienza più esistenziale che ludica, in questi anni hanno presentato al pubblico spettacoli suggestivi e visionari, ma soprattutto molto partecipati da chi li interpretava.
Più maieuta che regista, Elisa Dani non si è mai preoccupata molto che lo spettatore capisse tutto, preferendo piuttosto che egli intuisse l'intenso percorso personale degli attori.
Con le "Palestre" chiuse per Covid-19, ne ha comunque stimolato i partecipanti rimasti a casa, invitandoli a riflettere sul confinamento e a cercare tutti gli utilizzi possibili del verbo "restare". Il risultato: 2500 espressioni, frasi o frammenti di discorso contenenti questa parola. Reatare a casa, in silenzio, in ascolto, a meditare, a leggere, a guardare dalla finestra, a guardare Netflix e così via.
Esternazioni profonde, o quotidiane, tristi o allegre, ansiose o serene. Questa lista ha ispirato "NEL VIVO CHE C'E': restare per restituire" un'emozionante installazione audiovisiva presentata dal 14 al 20 settembre in un piccolo locale comunale di Piazza Italia a Boves.
Pareti nere. Quattro grandi schermi su cui scorrevano, con sequenze sempre diverse, scritte basate sul verbo "restare" e immagini senza volto degli allievi di Elisa, scattate durante il lockdown. Il tutto trattato graficamente dalla brava Francesca Reinero. La colonna sonora, nel frattempo, intrecciava musiche differenti con il susseguirsi delle parole registrate dagli stessi partecipanti alle "Palestre".
Ogni 15 minuti due spettatori.
Ogni giorno differenti assemblaggi di espressioni tratte da questa lunga lista e quindi differenti sensazioni e vibrazioni esistenziali. Chi non si è perso questo evento ha ritrovato sicuramente analogie con la propria personale esperienza. Parole, spazi di casa, oggetti, rumori, paure. Ritrovati a sorpresa.


targato cn

cuneo cronaca

La Stampa (Cuneo)


 

Nessun commento:

Posta un commento