Formicai della Domenica

Cosa sono i FORMICAI della DOMENICA?
I FORMICAI della DOMENICA sono
  botteghe di lavoro
di approfondimento
in cui artigiani esercitano corpo mente e scrittura
per apprendimenti utili per sé o per la propria professione.

Perchè il nome FORMICAIO?
Il nome Formicaio per la schietta e continua operosità delle formiche operaie
e per il suo carattere di divenire perpetuo nel buio del “sotto la terra”.
Un luogo quindi in cui non si offrono apprendimenti "pre confezionati"
ma dove ci si DEDICA insieme al processo che innesca l'apprendimento
e alla analisi del processo stesso.
Come nella bottega di un artigiano.

Un luogo in cui studiare/cercare e poi riporre
cose preziose per se stessi e/o per gli altri.

Concretamente come funzionano?
Sono weekend a cui ci si iscrive
(di solito il sabato pomeriggio dalle 14.00 alle 18.00 e domenica dalle ore 10.00 alle ore 17.00)
con proposte di lavoro condotte ogni volta da un professionista diverso.

I FORMICAI sono nati nel 2017 e ad oggi abbiamo lavorato con:
Stefano Dell'Accio (attore) Elisa Spagone (danzatrice e danzaterapeuta) Eric Minetto (scrittore e fondatore di Upaya) Erika Di Crescenzo (danzatrice, regista) Mariano Pirrello (attore) Bianca Borriello (formatrice per Palestra di Scrittura, storyteller, partner in Umani Milano) Isabella Maria (giornalista, traduttrice, editor) Francesca Rosso (giornalista, blogger, copywriter)


I FORMICAI 2019/2020
SCRIVERE AD ORECCHIO




TRA CIO' CHE SI VEDE E CIO' CHE SI DICE
con Mariano Pirrello
Oggetto dell'analisi è il processo che lega la parola
a ciò che gli occhi vedono all'esterno e/o nella propria mente
lo spazio tra il senso della vista e la creazione delle parole:
trovare pezzi del proprio funzionamento interno a servizio del lavoro attoriale.

VUOTI D'ARIA
con Francesca Rosso
Una palestra di scrittura come strumento per stimolare l'osservazione e la creatività attraverso la scrittura di storie individuali che sono poi connesse in una narrazione collettiva. A partire dal tema del Coraggio: la parola viene dal latino cor cordis.
Cuore e habeo (avere). Avere cuore significa assumersi la responsabilità di dire e o fare qualcosa
di resistere e/o di affrontare una sfida
ma anche di ammettere un errore o di leggere il proprio scritto in pubblico.




I FORMICAI 2018/2019
MA I LIBRI CON LE ORECCHIE CI SENTONO?
con Eric Minetto
Un percorso di scrittura creativa e meditativa per imparare ad aver care le domande.
È questo il lapidario consiglio che, nelle sue Lettere a un giovane poeta,
Rainer Maria Rilke offre a un autore troppo ansioso di ottenere precoci conferme sul suo talento.
Ma cosa vuol dire aver care le domande?
Prima di tutto imparare ad abitare lo spazio vergine che qualsiasi domanda inaugura
la più intelligente come la più stupida.




UN ALTRO PRESENTE E' POSSIBILE
con Isabella Maria
In dialogo e confronto con Isabella Maria che ha scritto il libro
“Un altro PRESENTE è possibile” percorsi di resistenza creativa ed. EDTsrl.
Il testo apre scenari a partire da interviste a personaggi di statura internazionale
che hanno una conoscenza diretta delle contraddizioni che caratterizzano il nostro presente:
Josè Pepe MuJica, Ezel Alcu, Miguel Benasayag, Emma Dante, Giuliano Scabia.
E offre una riflessione critica sugli attuali assetti politici ed economici e sul coraggio civile.


DEL CORPO DEL TESTO
con Erika Di Crescenzo
Una ricerca per sondare possibilità concrete e pratiche e condividere pensieri circa il testo che si può scrivere attraverso il proprio corpo. Il l corpo del testo . La scrittura del corpo. Il testo nella scrittura del corpo- L a riscrittura del corpo. L’analisi della parola: il corpo della parola, la parola al corpo, la parola nella scrittura del corpo. Le parole e le cose: il materiale, le parole nella materia delle cose, la materia delle cose, la materia delle parole, il corpo nel materiale testo, il testo nella materia del corpo.




I FORMICAI 2017/2018
DANZO DUNQUE SONO
con Elisa Spagone
Esercitare il sentire del proprio corpo che cambia attraverso il gesto.
Indagare la danza quale ascolto di sé, dello spazio e della relazione.



IL LAVORO DEL COMICO
con Stefano Dell'Accio
Indagare il tema della comicità partendo dall'idea e dal suo sviluppo
passando alla scrittura e alla ricerca di gag e situazioni comiche
per arrivare infine alla costruzione della battuta e al fondamentale uso dei tempi comici.



(foto Elisa Dani)